Beni culturali: l’Unpli porta alla Borsa Mediterranea del turismo archeologico le buone pratiche delle Pro loco

Beni culturali: l’Unpli porta alla Borsa Mediterranea del turismo archeologico le buone pratiche delle Pro loco

Condividi

“Le Pro Loco per i beni culturali – Buone pratiche ed esperienze a confronto” è il titolo del convegno organizzato dall’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia nell’ambito della venticinquesima edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico che si svolgerà da 3 al 5 novembre a Paestum (Salerno); l’appuntamento è per venerdì 3 novembre a partire dalle 13 (sala Cerere).

Al centro dei lavori il racconto di alcune iniziative che hanno fatto la differenza nella valorizzazione del patrimonio culturale di varie comunità, azioni concrete e di successo che spaziano dalla promozione e alla fruizione dei siti.

Nel corso del pomeriggio l’attenzione sarà puntata anche sulle opportunità che possono scaturire dalla collaborazione con le istituzioni e la possibilità di fare rete con altre associazioni, significative in tal senso le presenze dei rappresentanti di Anci, Unioncamere, Istituto per il credito sportivo, Camera di Commercio delle Marche, Regione Campania e Regione Puglia.

“Torniamo con convinzione alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico portando in dote una selezione delle buone prassi delle Pro Loco. Anche in questo ambito, come in quello della promozione dei territori, della tutela del patrimonio culturale immateriale, del patrimonio ambientale, il contributo delle nostre associazioni è significativo” sottolinea il presidente dell’Unpli, Antonino La Spina.

I dati. Il ruolo delle Pro Loco nel settore dei beni culturali è sottolineato dal report dello Studio Sintesi della Cgia di Mestre, relativo al 2018. Il 20% delle Pro Loco gestisce o partecipa alla gestione dei servizi dei musei, il 17% dei siti storico-archeologici e il 10% delle biblioteche; inoltre il 57%, inoltre, gestisce o partecipa alla gestione del servizio di informazioni turistiche con enti pubblici, Comuni e altro.

I lavori. Il convegno si aprirà con i saluti istituzionali di: Pietro Segalini (vicepresidente Fondazione Pro Loco ltalia ETS), Tony Lucido (presidente regionale Unpli Campania), Rocco Lauciello (presidente regionale Unpli Puglia), Mario De luliis (consigliere nazionale Unpli Campania), Elena Tommasino (presidente provinciale Unpli Salerno), Filippo Capellupo (presidente Unpli Calabria), Vito Sabia (presidente Unpli Basilicata), Felice Casucci (assessore al Turismo Regione Campania), Aurelio Tommasetti (Consigliere regionale – Campania).

A seguire si entrerà nel vivo con gli interventi di: Fernando Tomasello (vicepresidente Unpli), Andrea De Rita (Istituto Credito Sportivo, Responsabile Advisory Cultura), Gino Sabatini (presidente della Camera di Commercio delle Marche e vicepresidente di Unioncamere), Aldo Patruno (direttore generale del Dipartimento Turismo – Regione Puglia), Grazia Di Bari ( Consigliera regionale delegata alle Politiche Culturali – Puglia), Emanuele Zorino (Sindaco di Aquileia), Elena Menon (consigliere Pro Loco Aquileia), Agostino Alloro (consigliere regionale Unpli Lombardia), Franco Mosca (presidente Pro Loco Somma Vesuviana) e Vincenzo Santoro (responsabile Cultura e Turismo Anci); introduce e modera il presidente dell’Unpli, Antonino La Spina.

Torna in alto