Ecodays 2023, Parco Nazionale della Sila. L’inaugurazione dell’info point turistico e della casa dell’escursionista chiude la tre giorni

Ecodays 2023, Parco Nazionale della Sila. L’inaugurazione dell’info point turistico e della casa dell’escursionista chiude la tre giorni

Condividi

COMUNICATO STAMPA  CONGIUNTO

Due convegni, l’inaugurazione della ciclopista tra i villaggi Racise e Mancuso e la firma del protocollo d’intesa tra Ente Parco, Riserva Biosfera e Unpli Calabria  alcuni dei risultati dell’iniziativa

AMBIENTE: ECODAYS 2023 UNPLI, PARCO NAZIONALE DELLA SILA. L’INAUGURAZIONE DELL’INFO POINT TURISTICO E DELLA CASA DELL’ESCURSIONISTA CHIUDE LA TRE GIORNI 

Curcio (Ente Parco): “Tre giorni fantastici che pongo basi per lavoro sinergico”. La Spina (Unpli): “Edizione da incorniciare, ricca di contenuti e risultati concreti”

 

 Taverna (Cz) – Parco Nazionale della Sila) Inaugurati e consegnati, ieri mattina, i locali che ospitano “La Casa dell’escursionista” e l’info point turistico, affidato alla Pro Loco di Taverna. L’iniziativa segna la conclusione  “Ecodays per la Natura e l’Ambiente” organizzati dall’Unione Pro Loco d’Italia (Unpli) in collaborazione con l’Ente Parco Nazionale della Sila.  Una tre giorni durante la quale sono stati organizzati anche due convegni (sui temi  della “Mobilità lenta e buone pratiche” e  “Il cicloturismo nel Parco Nazionale della Sila”) ospitati nel teatro del centro Visita “A. Garcea” del Reparto Carabinieri Biodiversità di Catanzaro e inaugurata la ciclopista che collega il villaggio Mancuso al Villaggio Racise e poi località Pantane; completa il quadro delle azioni realizzate la firma del protocollo d’intesa  tra l’Ente Parco , la Riserva della Biosfera MaB SILA – Unesco e il Comitato Regionale UNPLI Calabria.

IL BILANCIO DEGLI ECODAYS.  “E’ stata un’edizione da incorniciare, straordinaria per i contenuti, l’affetto e l’accoglienza che ci portiamo a casa: la grande ospitalità calabrese si è sentita tutta. Tre giorni ricchi di appuntamenti, emozioni e risultati: dalle sinergie e le buone prassi emerse nel corso delle tavole rotonde, alle inaugurazioni della ciclopista e dell’info point turistico che è il cuore della nostra attività” ha affermato il presidente dell’Unpli, Antonino La Spina.

“Abbiamo la consapevolezza di aver costruito qualcosa di utile per il futuro, a partire dall’info point che ci consentirà alle Pro Loco di essere più presenti in Sila. Lavoreremo insieme per  far conoscere meglio la natura incontaminata, l’aria purissima e  il senso di pace che offrono queste aree; luoghi che per attrazioni  e servizi disponibili si prestano a varie tipologie di turismo: dal cicloturismo, alle gite d’istruzione, ai visitatori appassionati di natura” ha concluso La Spina.

Piena soddisfazione anche per il presidente dell’Ente Parco Nazionale della Sila, Francesco Curcio: “In chiusura di questa fantastica tre giorni con Unpli – ha detto – colgo nuovamente l’occasione per ringraziare tutti voi. Abbiamo posto le basi per un lavoro di sinergia che porteremo avanti insieme per il bene della natura e di chi vive su questi territori. Come Riserva della Biosfera, l’acronimo “Man and Biosphere” è dedicato proprio a questo connubio: una tutela della natura e sua valorizzazione da parte dell’uomo che gode di questo patrimonio, di questa aria salubre e di tutte le eccellenze custodite al suo interno come un prezioso diamante. Dobbiamo pensare in grande, alla Riserva, ai cittadini che ci vivono e al bene di chi lavora in questi territori, sviluppandoli e alimentandoli – ha concluso – con tante idee e progetti”.

Analisi condivisa anche da Stefano Raso, responsabile del dipartimento Parchi e Ambiente dell’Unpli , che oltre a tracciare un bilancio, guarda già avanti: “E’ stato un evento unico e importante che  è andato oltre le aspettative, per effetto di una serie di sinergie e professionalità che il parco della Sila ha oltre ad un territorio, già descritto magico e unico. Abbiamo seminato davvero bene, ci sono in corso della azioni costruttive e altre ne arriveranno, per cui questa edizione degli “Ecodays”, in realtà, continuerà ancora in Calabria, in parallelo a tutte le attività avviate“.

Chiude il bilancio degli “EcodayS”, Filippo Capellupo, presidente Unpli Calabria: “Questa tre giorni ha sviluppato tante iniziative che, solitamente, si sviluppano in diversi mesi, ma la ‘Squadra’ dell’Ecodays con le Pro Loco Calabresi ha dimostrato che si possono fare cose di qualità se si lavora remando tutti nella medesima direzione. Gli apprezzamenti ricevuti per il lavoro svolto mi rendono felice, un impegno che servirà finalmente a far posizionare la montagna calabrese nei gradini più alti della scala di valori. Il ringraziamento va a tutti coloro i quali hanno avuto la sensibilità e l’intelligenza di lavorare per il futuro della nostra regione, non soltanto per la sua valorizzazione, ma per il futuro di un ecosistema che sia  oggi ed in futuro, la prospettiva per i nostri giovani. Ringraziamo, infine, le Ferrovie della Calabria per esserci stati vicini in questa manifestazione con grande sensibilità e senso di appartenenza al progetto di rivalutazione della montagna calabrese”. 

L’INAUGURAZIONE. La struttura che ospita “La Casa dell’escursionista” e l’info point turistico è stata realizzata dall’Ente Parco con fondi propri e della Regione Calabria. L’immobile, ex caserma del Corpo Forestale dello Stato, è stata ceduta al Comune di Taverna e a sua volta all’Ente Parco in comodato d’uso gratuito.  “Un progetto di grande utilità per i tanti amanti delle attività escursionistiche in Sila. Il progetto di recupero di strutture fatiscenti, ristrutturate dal Parco continua restituendo alla collettività strutture e servizi.  L’Info point e  la “Casa dell’Escursionista” sono ubicati  lungo la Ciclovia dei Parchi e della Ciclopista di Villaggio Mancuso e saranno a servizio anche dei fruitori del parco appassionati di trekking e cicloturismo” ha dichiarato l’ing. Domenico Cerminara dell’Ente Parco.

Ad intervenire anche il sindaco di Taverna, Sebastiano Tarantino: “Come amministrazione stiamo dedicando tante attenzioni alla valorizzazione del patrimonio ambientale. L’intento è quello di creare aree dedicate al servizio degli amanti della natura e delle bellezze che il territorio Silano offre. Una Sila unica e peculiare, che supera oggi ogni campanilismo per guardare ad un futuro sempre più sostenibile e ad un territorio fruibile a tutti gli ospiti e amanti della montagna”.

All’inaugurazione hanno preso parte anche, il Presidente  del Parco Nazionale della Sila,  Francesco Curcio, il presidente dell’Unpli, Antonino La Spina, il Sindaco di Taverna, Sebastiano Tarantino, i componenti  dell’Ufficio Tecnico del Parco Nazionale della Sila, il presidente di Unpli Calabria, Filippo Capellupo, di Unpli Basilicata, Vito Sabia, di Unpli Emilia-Romagna, Maximiliano Falerni,  i consiglieri nazional Unpli, Pier Franco De Marco e Antonello Pirola, i presidenti provinciali calabresi e il presidente della Pro Loco di Taverna, Tonino Puleo; presenti, fra gli altri, anche rappresentanti delle istituzioni locali, volontari delle Pro Loco del comprensorio e volontari del Servizio Civile.

LA CICLOPISTA. Nell’ambito degli “Ecodays”, sabato pomeriggio, è stata inaugurata la ciclopista che collega il villaggio Mancuso al Villaggio Racise e poi località Pantane, per un’estensione complessiva di oltre 2 km in ambito urbano, finanziata dalla Regione Calabria e realizzata dall’Ente Parco Nazionale della Sila.  Un percorso, ad uso esclusivo di ciclisti, che consente una completa immersione nell’incontaminata natura del Parco Nazionale della Sila, unendo due tra i più importanti punti di attrazione turistica. La ciclopista aumenta l’appeal dei 545 km della ciclovia (ad utilizzo promiscuo della sede viaria su strade a bassa percorrenza di traffico veicolare) offrendo agli appassionati un’autentica scoperta e nuove esperienze tra paesaggio ed ecosostenibilità nelle aree di Aspromonte, Sila, Pollino e le Serre. Ad arricchire le

LE TAVOLE ROTONDE. Il primo appuntamento è stato rappresentato dal convegno sul tema “Mobilità lenta buone pratiche a confronto, le Pro loco a confronto con le istituzioni e le associazioni: analisi del contesto, prospettive di miglioramento e sviluppo, proposte e soluzioni” che si è tenuto venerdì pomeriggio. Il programma è poi proseguito, sabato mattina, con la tavola rotonda “Il cicloturismo nel Parco Nazionale della Sila, una nuova realtà di sviluppo compatibile del turismo verde nelle aree protette”.

IL PROTOCOLLO D’INTESA. Tra i risultati centrati anche il protocollo d’intesa tra l’Ente Parco, la Riserva della Biosfera MaB SILA – Unesco e il Comitato Regionale UNPLI Calabria.

L’accordo mira a rafforzare ulteriormente la sinergia tra Ente Parco, Riserva MaB e Unpli Calabria, impegnate a svolgere sul territorio un importante lavoro di coordinamento, valorizzazione, proficua collaborazione e conoscenza dei luoghi, tramite una spinta propulsiva e la capillare rete delle Pro Loco: si lavorerà alla promozione del Parco e all’istituzione dei Punti Informativi del Parco, nelle sedi Pro Loco già autorizzate. Un impegno congiunto  diretto anche alla promozione di eventi legati alla tradizione culturale e all’attuazione di una serie di iniziative volte, al coinvolgimento degli studenti in attività di tipo creativo-esperienziale, al miglioramento della qualità della vita e dei servizi al cittadino, con particolare riguardo ai giovani.

Torna in alto