Pro Loco Friuli Venezia Giulia: Iscrizioni aperte per il concorso Presepi nelle scuole

Pro Loco Friuli Venezia Giulia: Iscrizioni aperte per il concorso Presepi nelle scuole

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Nell’attesa di presentare i propri eventi presepiali a inizio dicembre, il Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale Pro Loco d’Italia ha aperto la fase di iscrizione al concorso riservato alle scuole dell’infanzia e primarie della regione. Tema di quest’anno è “Un Natale di Pace”. L’iniziativa è realizzata grazie al sostegno e alla collaborazione della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Fondazione Friuli, Società Filologica Friulana e CiviBank.

“Non potevamo – spiega il presidente del Comitato regionale Valter Pezzarini – dimenticarci quanto sta accadendo attualmente in Europa e i troppi conflitti ancora aperti in molte altre parti del mondo. Il Presepe è un messaggio di pace che unisce fede e tradizioni: attraverso il Concorso vogliamo valorizzare e premiare le opere che alunni e insegnanti realizzano, spesso anche con il prezioso aiuto delle famiglie, all’interno di un percorso scolastico che è incentrato su questi temi così importanti per la nostra società. Il Natale è il periodo dell’anno più ricco di emozioni, soprattutto per i più piccoli che in esso maturano la loro dimensione emozionale e affettiva”.

L’adesione dovrà essere trasmessa via mail a eventi@prolocoregionefvg.it entro martedì 15 novembre 2022. Il presepe dovrà essere allestito entro giovedì 15 dicembre 2022 per permetterne la visita ai componenti designati dalla Commissione, prima della chiusura per le vacanze natalizie e secondo un calendario concordato con l’insegnante referente. Tutte le informazioni e bando su www.prolocoregionefvg.it.

“Inoltre quest’anno – conclude Pezzarini – abbiamo deciso per la prima volta di premiare i vincitori ognuno direttamente nella propria scuola: un modo per rendere ulteriore merito ai progetti educativi che vi vengono realizzati. Speriamo che per bambine e bambini sia un Natale speciale e da ricordare”.

Torna su