Terza edizione della “Mangiawalking” a Casola in Lunigiana

Terza edizione della “Mangiawalking” a Casola in Lunigiana

Condividi

La Pro Loco di Casola in Lunigiana organizza per il terzo anno la Mangiawalking della Primavera che si terrà Domenica 13 maggio, una camminata “lenta” di interesse paesaggistico, culturale e gastronomico che si snoda su antichi sentieri e attraversa i borghi medievali di Casola, Vigneta, Castiglioncello, Regnano e Pugliano.
La manifestazione viene svolta in collaborazione con il Comune di Casola, l’Unione di Comuni Montani della Lunigiana, il Comune di Minucciano, il parco dell’ Appennino Tosco-Emiliano e il parco delle Apuane e l’Associazione ambientalista Legambiente.
Come è ormai consuetudine, l’occasione di questa passeggiata sugli antichi percorsi e sentieri, riattivati dai volontari della proloco e dall’amministrazione comunale, sarà accompagnata da brevi soste dove sarà possibile ritrovare e gustare antichi, semplici quanto caratteristici cibi della tradizione locale tra cui la “Marocca di Casola”, pane di castagne recentemente riscoperto presidio Slow Food.
I borghi attraversati raccontano di una terra di confine. Casola, con la sua Torre la cui edificazione risale al XIV secolo, fu un centro molto ricco per i commerci, testimoniato dai palazzi nobiliari, le botteghe e i mulini. Vigneta ed Oliva, dai nomi ci dicono di una attività agricola fiorente nel passato, in parte ancora oggi condotta. Castiglioncello un borgo arroccato le cui prime notizie risalgono ad un atto del 1481 che lo indicano come possedimento dei Malaspina di Fosdinovo. Il borgo di Regnano che comprende tre nuclei distinti ed identificabili: Poggio, Castello e Villa, testimonia di un importante centro di potere di interesse politico strategico, come scrissero i Lucchesi nel 1433 spiegando che “Chi governa Pontremoli e Regnana è padron di Lunigiana”. L’importante località era inserita nel sistema viario della via Francigena che, attraverso la via del Volto Santo apriva alla Lunigiana e arrivava a Lucca. L’ultimo borgo a cui si arriva, Pugliano appartenente allo Stato di Lucca, fu importante centro sulla “Via della Seta” , il percorso, andata e ritorno da Lucca, capitale europea della seta , a Genova porto di arrivo della seta grezza dall’Oriente.
Si parte attraversando il borgo murato di Casola e salendo per colline piene di olivi e querce si arriva a Vigneta dove è prevista una prima sosta per una buona colazione con tè e biscotti artigianali. Si risale incontrando la piccola comunità dell’Oliva per arrivare al borgo di Castiglioncello ricco di vedute affascinanti, dove si gusteranno bruschette fatte con il pane di Regnano innaffiate da un bicchiere di vino della tenuta del Bardellino di Soliera. Si prosegue su antiche strade rurali e attraversando il piccolo insediamento di Poggio si arriva a Regnano Castello, dove la Compagnia del Guiterno farà gustare il tradizionale piatto caldo “Tagliatelle integrali al farro con sugo di salsiccia e porri”. Dopo la meritata pausa, si scende per ritrovarsi a Regnano Villa per un secondo piatto di costine di maiale e olive e pane di Regnano. Il tutto accompagnato sempre dal vino della tenuta del Bardellino. Percorrendo strade vicinali che si snodano nel bosco ricco di castagneti, da cui viene gran parte delle castagne utilizzate per la farina della “Marocca di Casola”, si passa in Garfagnana con una sosta a Pugliano per rifocillarsi con gli “Sgabei”, tradizionale pan fritto della zona. Dopo aver percorso gli ultimi 3 kilometri in discesa, a Casola presso il B&B Ca’ Luni sarà servita una gustosa macedonia. E, in ultimo sulla piazza della Torre di Casola, cantuccini e vin santo accoglieranno gli esausti camminatori. In piazza per la gioia di bambini e non, gli artisti del Circo Oliva si esibiranno in giochi e spettacoli circensi.
Rispetto allo scorso anno, l’edizione 2017 presenta un percorso diverso e meno impegnativo, e ripercorre da Castiglioncello a Regnano un tratto della via del Volto Santo detta la via Francigena di montagna.
Finora le nostre camminate sono state, in gran parte, protette dal dio sole e speriamo che sia ancora clemente con noi altrimenti l’appuntamento verrà posticipato alla domenica successiva (20 maggio).

Torna in alto