Apertura Ecodays 2023, nel Parco Nazionale della Sila: Unpli e Parchi insieme per la montagna

Apertura Ecodays 2023, nel Parco Nazionale della Sila: Unpli e Parchi insieme per la montagna

Condividi

APERTURA ECODAYS 2023 NEL PARCO NAZIONALE DELLA SILA 

UNPLI E PARCHI, INSIEME PER LA MONTAGNA

Domani mattina l’appuntamento con il convegno sul tema del cicloturismo, nel pomeriggio l’inaugurazione della pista ciclabile

 

 

TAVERNA PARCO NAZIONALE DELLA SILA-) Una serie di fitti appuntamenti ha contraddistinto la prima giornata degli “Ecodays per la Natura e l’Ambiente” organizzati dall’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia – Dipartimento Parchi e Ambiente.

Nel sito del “Centro Visite del Parco Antonio Garcea” del Reparto Carabinieri Biodiversità di Catanzaro, a Taverna, nel cuore del Parco Nazionale della Sila, l’avvio ufficiale delle attività è stato sancito dall’alza bandiera con le note dell’Inno di Mameli, eseguito  dal corpo bandistico di Amato.

A dare il benvenuto a tutti gli ospiti il presidente Unione Pro Loco d’Italia, Antonino La Spina: “Con gli Ecodays per la Natura e l’ambiente intendiamo mettere a sistema le Pro Loco che operano nell’ambito della tutela ambientale, evidenziando l’impegno che svolgono al fianco dei parchi nazionali, delle Riserve naturalistiche e della amministrazioni”. La Spina ha poi proseguito sottolineando il contributo dell’Ente Parco della Sila nel portare avanti progetti di tutela e valorizzazione ambientale legati ad infrastrutture verdi di grande pregio, quali ad esempio la Ciclovia dei Parchi.

A portare i saluti del presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, l’assessore regionale al Terzo , Emma Staine, che è intervenuta sia in mattinata, all’apertura degli Ecodays, e nel pomeriggio, durante i lavori del convegno.   “Per la Calabria – ha detto Staine –  gli Ecodays di UNPLI assumono un’importanza particolare considerando le caratteristiche ambientali, culturali e turistiche del territorio fatto di montagne, colline, coste e parchi nazionali. Gli Ecodays offrono l’opportunità di promuovere la conservazione di queste risorse naturali, sensibilizzando la popolazione locale e i visitatori sull’importanza della biodiversità, della tutela degli ecosistemi e dell’uso sostenibile delle risorse naturali. A tutto ciò – ha proseguito – si aggiunge il patrimonio culturale, con siti archeologici, chiese, castelli e borghi storici che testimoniano la sua storia millenaria. L’Unpli – ha concluso – certamente contribuisce alla valorizzazione e protezione di questo patrimonio, promuovendo l’interesse per la cultura locale e incoraggiando pratiche sostenibili nel settore del turismo”.

A seguire il saluto  dell’ ing. Domenico Cerminara, nella duplice veste di rappresentante dell’Ente Parco della Sila e dell’Unpli: “Quello che abbiamo realizzato è frutto di un grande lavoro di gruppo. Abbiamo scelto la Calabria, insieme ai diversi organi Unpli per l’Ecodays 2023, sarà un’edizione dedicata al costante lavoro di tutela e salvaguardia che come Parco e Pro loco dei territori, portiamo avanti”.

Filippo Capellupo, presidente di Unpli Calabria, invece, ha puntato l’attenzione sul patrimonio rappresentato dalle aree interne: “E’ un appuntamento dedicato alle meraviglie dei Parchi. Queste foreste danno al mondo, forzieri di tradizioni, cultura e un patrimonio naturalistico dal valore inestimabile. La vera storia della Calabria viene dalle montagne e dalle aree interne”.

La mattinata si è concluda con l’inaugurazione della mostra fotografica “Calabria, Storie di Uomini e Terra” a cura di Mario Greco, ospitata la casa della Cultura (Taverna), e con  l’annullo filatelico.

Nel pomeriggio il programma è proseguito con il convegno dal titolo “Mobilità lenta buone pratiche a confronto, le Proloco a confronto con le istituzioni e le associazioni: analisi del contesto, prospettive di miglioramento e sviluppo, proposte e soluzioni”.

Nel corso del suo intervento, la senatrice Tilde Minasi ha sottolineato  che “il contributo delle Pro Loco è fondamentale nell’attività  di promozione e animazione dei territori, rappresentando un esempio di un volontariato attento e coinvolgente, anche nei confronti dell’ambiente, sfida che tutti siamo chiamati a sostenere soprattutto in questa fase storica nella quale ogni giorno registriamo gli effetti dei cambiamenti climatici”.

Minasi ha proseguito qualificando quale: “significativo l’apporto delle Pro Loco nel trasmettere la conoscenza dei luoghi, l’educazione al patrimonio e alle identità, guardando al turismo, alla cultura, al sociale, alle tematiche, appunto, ambientali e dando valore e unicità a contenuti locali. Un cammino da percorrere in sinergia per una missione essenziale di salvaguardia e tutela connessa al futuro di noi tutti e rispetto il quale troverete sempre la mia massima disponibilità soprattutto nell’approntare iter che rendano concreta una rete per realizzare progettualità a beneficio delle nostre peculiarità”.

 Il Comandante del raggruppamento Carabinieri Biodiversità, Colonnello Nicola Cucci, ha puntualizzato che: “questo è un centro nel quale l’Arma ospita manifestazioni che hanno l’obiettivo di promuovere la cultura della legalità, della sostenibilità e della promozione del territorio del comprensorio silano. Quindi la giornata di oggi trova in questa location un posto ideale per poter apprezzare e valorizzare le bellezze del patrimonio turistico-ambientale”.

Nel corso del convegno sono stati premiati i vincitori del Contest relativo alla mascotte di Cortina 2026, gli alunni dell’Istituto Comprensivo Taverna “Ermellini”.

GLI INTERVENTI.  Durante in convegno,  sono intervenuti, fra gli altri, Tonino Puleo, presidente Pro Loco Taverna-Villaggio Mancuso; Stefano Raso, responsabile dipartimento Parchi e Ambiente UNPLI; Sebastiano Tarantino, sindaco Comune di Taverna e Presidente Comunità del Parco;    Vitaliano Marino, presidente Provinciale Comitato UNPLI CZ; Antonello Grosso La Valle, presidente Provinciale Comitato UNPLI CS;  Giovanni Fabiano, presidente Provinciale Comitato UNPLI KR; Rocco Deodato, presidente Provinciale Comitato UNPLI V-RC; Giuseppe Sanfilippo, parco dei Nebrodi.  Ha moderato i lavori Domenico Cerminara.

Gli Ecodays proseguono domani mattina, a partire dalle 10, (teatro del centro Visita “A. Garcea” del Reparto Carabinieri Biodiversità di Catanzaro, Taverna) con il convegno dal titolo “Il cicloturismo nel Parco Nazionale della Sila, una nuova realtà di sviluppo compatibile del turismo verde nelle aree protette” e con la   firma dell’impegno di valorizzazione fra Unpli Calabria, Ente Parco Nazionale della Sila, Riserva della Biosfera Mab Sila-Unesco.

Nel pomeriggio, alle 15, l’appuntamento con l’inaugurazione della pista ciclabile che dal Villaggio Mancuso si snoda sino al Villaggio Racise, realizzata dall’Ente Parco della Sila con finanziamenti della Regione Calabria.

A fare da cornice all’Ecodays 2023, gli accoglienti boschi della Sila, che grazie a scorci spettacolari e natura rigogliosa, saranno i veri protagonisti dell’evento, in grado di raccontare al meglio, l’importanza della tutela e della valorizzazione dell’ambiente.

Torna in alto